Codice Diplomatico istriano - Regesti - volume II


  188.  12...
        Enrico .... d'accordo colla madre e coi figli concede che i figli
        di certo Detemaro, che ha od avrà dalla moglie Diemota, sieno
        capaci di predî e di feudi della Chiesa tergestina.
        Da autografo dell'Archivio Capitolare di Trieste.

  189.  1200. 7 Ottobre, Indizione III. Cividale.
        Patriarca Pellegrino di Aquileja giudice arbitro, pronuncia la
        decisione dell'eredità feudale Riccarda da Montona fra il Conte
        Alberto de Wiselberg per una metà, Widone da Muggia e Leonardo di
        Valle dall'altra.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  190.  1201. ....., Indizione IV .....
        Esame di testimonî nella lite tra Vescovo Adalgero di Capodistria
        ed Abbadessa di S. Maria di Aquileja per le decime d'Isola.
        Archivio domestico de' Conti Portis di Cividale.

  191.  1202. Ultima die exeunte Januario, Indictione V. Cormons.
        Pace tra il Patriarca Peregrino, che era della Casa dei Duchi di
        Carintia, ed i Conti Mainardo ed Engelberto di Gorizia, ad
        interposizione del Duca d'Austria.
        Da apografo tratto da libro che era già del Fiscalato di Gorizia.
        Registrato anche dal de Rubeis Mon. Eccles. Aquil.

  192.  1202. 8 Giugno, Indizione V. Parenzo.
        Vescovo Ottone di Parenzo investe l'Abbate di S. Michele Sotterra
        della Chiesa di S. Dionigi presso Montona e di terreni.
        Da copia nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  193.  1202. Mens. Julii, Indictione V. Justinopoli, in Choro Eccl.
            S. Mariae.
        Pietro Decano ed i Canonici di Justinopoli concedono il quartese
        del vino, frumenti ecc. nel territorio di Isola ad Albino ed
        Elicha.
        Da Autografo.

  194.  1202. Mese di Ottobre, Indizione VI. Muggia.
        Il Comune di Muggia giura fedeltà al Doge di Venezia Enrico
        Dandolo, diretto in crociata a Terra Santa.
        Dai Libri Albus et Pactorum dell'Archivio Veneto.

  195.  1202. 26 Ottobre, Indizione VI. Trieste.
        Doge Enrico Dandolo, muovendo alla Crociata, esige da Trieste
        giuramento di fedeltà.
        Dai Libri Albus et Pactorum dell'Archivio Veneto.

  196.  1203. Aprile, Indizione VI. Gavello presso Capodistria.
        Dictalmo e Rilenda da Muggia vendono ad Eppone e Glirosa una terra
        e vigna in Albaro (Scoffie) di Capodistria.
        Dal Codice Madonizza di Capodistria.

  197.  1203. Ottobre, Indizione VII. Trieste.
        Vescovo Gebardo conferma sentenza pronunciata dai Giudici di
        Trieste in favore dei Canonici per terra e molino in questione.
        Da autografo dell'Archivio Capitolare di Trieste.

  198.  1203. 4 Novembre, Indizione VI. Parenzo.
        Marchese d'Istria Patriarca Volchero fa riconoscere i confini
        della terra di S. Mauro, ossia dell'agro proprio di Parenzo.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  199.  1204. Mese di Febbraio, Indizione VII. Trieste.
        Gebardo Vescovo di Trieste conferma al Capitolo le donazioni fatte
        dal Vescovo Bernardo.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  200.  1204. 27 Settembre, Indict. VIII. Tergeste.
        Il Capitolo di Trieste concede una terra in Bovedo, contrada di
        Balcola, per piantare vigneto.
        Autografo membranaceo nell'Archivio Capitolare.

  201.  1205. 21 Maggio, Indizione VIII. Parenzo.
        La città di Parenzo giura alla Signoria di Venezia fedeltà e
        l'annuo pagamento de' soliti tributi di 20 arieti ed olio giusta
        l'antico patto col Doge Domenico Morosini qui aggiunto senza data.
        Dal I. lib. Pactorum nell'Archivio de' Frari in Venezia.

  202.  1205. 3 Ottobre, Indizione VII. Ferrara.
        I Vescovi di Ferrara e di Chiozza, giudici dati da Papa
        Innocenzo III, decidono per compromesso la questione fra Vescovo
        di Capodistria Aldigerio che voleva la decima dell'olio da Pirano,
        ed il clero ed il popolo di Pirano che chiedevano al Vescovo la
        quarta dei poveri, e la quarta della fabbrica sulla decima di
        altri generi.
        Da Autografo dell'Archivio di Pirano.

  203.  1206. XIII Kal. Januarii. - Aquilegia.
        Patriarca d'Aquileja Volchero conferma alla Chiesa ed ai Canonici
        di Trieste i beni che godono.
        Autografo dell'Archivio Capitolare di Trieste.

  204.  1206. IIII. Idus Januarii.
        Papa Innocenzo III concede facoltà di unire il Vescovato di
        Cittanova a quello di Capodistria, per la scarsezza delle rendite
        non eccedente sette marche.
        P. Agostino Theiner, Vetera Monumenta Slavorum Meridionalium.

  205.  1207. IIII Kal. Junii. - Ferentiae.
        Papa Innocenzo III ratifica la Sentenza pronunciata per sua
        delegazione dai Vescovi di Ferrara e di Chiozza nella contesa fra
        Vescovo di Capodistria Aldigerio, ed il clero e popolo di Pirano
        per decima d'olio.
        Da Allegazione stampata.

  206.  1208. Aquileja.
        Pianta del Governo Marchionale dell'Istria a' tempi della Signoria
        dei Patriarchi.
        Chmel Gius. Diplomatorium miscellum pag. 289.

  207.  1208. 4 Gennaro, Indizione XII. Rovigno.
        Trattato di pace fra le città di Pirano e di Rovigno.
        Da originale esistente in doppio esemplare nell'Archivio
        Municipale di Pirano.

  208.  1209. 10 Gennaro, Indizione XII. Trieste.
        Permuta di due terre fra Ogero e Elica ed il Capitolo di Trieste.
        Membrana autografa dell'Archivio Capitolare.

  209.  1210. Indictione XIII. - Justinopoli.
        Bonifacio de Wilpurga ed il genero di lui Ottone vendono al
        Monastero di S. Nicolò e di S. Appollinare di Oltra una vigna.
        Dal Codice Madonizza.

  210.  1210. Novembre, Indizione XIII. Giustinopoli.
        Giovanni Girgilia vende al Monastero di S. Nicolò e di
        S. Appollinare d'Oltra una vigna.
        Dal Codice Madonizza.

  211.  1211. Indizione XIV. - Aquileja.
        La Badessa del Monastero delle Vergini d'Aquileja concede ad
        Alberone pievano di Pirano la chiesa claustrale di S. Basso, verso
        annuo censo.
        Da pergamena originale dell'Archivio Capitolare di Pirano.

  212.  1211. 6 Decembre, Indizione XIV. Cividale.
        Patriarca Volchero Marchese d'Istria conferma a Vescovo Fulcherio
        di Parenzo il Castel Parentino, il Moncastello, la chiesa di
        S. Matino di Midilano ed il territorio di S. Mauro nel territorio
        di Pola presso Medolino.
        Copia nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  213.  1212. 3 Giugno, Indizione XIV. Giustinopoli.
        Concordio fra Canonici di Capodistria e Chierici d'Isola pel
        quartese.
        Ughelli, Italia Sacra, V.

  214.  1213. 12 Ottobre, Indizione I. Ravenna.
        Ubaldo Arcivescovo di Ravenna, concede a Stefano Segnor la metà
        delle rendite della Chiesa di Ravenna in Pola e Polesana,
        eccettuate le appellazioni.
        Archivio Ravennate, Fantuzzi.

  215.  1214. 21 Febbraio, Indizione II. Augusta.
        Imperatore Federico II conferma alla Chiesa ed ai Patriarchi di
        Aquileja antiche donazioni di Corrado, concede il Ducato e
        Comitato del Friuli, le Regalie degli Episcopati Istriani, Il
        Marchesato ed il Comitato dell'Istria.
        Atti carniolici, nelle Historische Mittheilungen.

  216.  1214. 4 Decembre, Indizione II. Parenzo.
        Patriarca Volchero, Marchese d'Istria, decide lite fra il Vescovo
        di Parenzo e l'Abbate di Leme per decime e regalie.
        Annali dei Camaldolesi.

  217.  1216. Septimo Idus Aprilis, Indictione IV. Tergesti.
        Vescovo di Trieste Corrado rilascia ai Canonici certa porzione di
        vino che al tempo delle vendemmie i Canonici corrispondevano
        contro diritto ai Vescovi.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  218.  1216. 1. Maggio. - Pola.
        Spartizione delle decime di Gurano, Diocesi di Pola.
        Archivio Capitolare di Pola.

  219.  1216. 2 Maggio, Indizione IV. Parenzo.
        Episcopo eletto di Parenzo Fulcherio investe a feudo Domino
        Baldovino Signolo di Venezia della valle fra la muglia di
        S. Pietro Zorna e la muglia di Zane per restituire antica saliera.
        Archivio Vescovile di Parenzo.

  220.  1216. 22 Agosto, Indizione IV.
        Concordio e pace fra le città di Capodistria e di Treviso.
        Verci, Storia della Marca Trevisana. - Carli, Antichità italiche.

  221.  1216. 8 Settembre, Indizione IV. Capodistria.
        Il Vescovo Urethemaro dona al Monastero di S. Tomaso di Torcello
        la decima ed il quartese delle terre che ha in Capodistria.
        Corner, Chiese Venete.

  222.  1217. S. Maria della Vittoria o Viktring.
        Marchese Enrico d'Istria dona un manso di terreno in Tupalich al
        Monastero della Vittoria (Viktring) di Carintia per salute
        dell'anima sua e dei suoi genitori.
        Dalle Historische Mittheilungen del Carnio.

  223.  1217. 7 Luglio, Indizione V. Gemona.
        Patr. Volchero cede a Leopoldo d'Austria tre figli di Siurido di
        Ragogna; il Duca dà in cambio i figli di Aleramo di Weisenstein e
        di Arrigo di Cols.
        Archivio domestico de' Conti Portis. - Copie del Guerra.

  224.  1218. 14 Ottobre, Indizione VI. Aquileja.
        Patti tra il Patriarca d'Aquileja Bertoldo e la Signoria di
        Venezia per la sicurezza de' loro sudditi si in terra che in mare
        e per il risarcimento de' danni: conferma delle antiche
        convenzioni e giuramento di mantenerle.
        Da pergamena nell'Archivio generale de' Frari in Venezia.

  225.  1220. Sexto die exeunte Nov. Indict. XIII. Aquileje.
        Convegno fra il Monastero di S. Maria d'Aquileja ed il Comune
        d'Isola per la nomina del Gastaldo in Isola.
        Da pergamena originale.

  226.  1221. III. Idus Februarii. - Laterani.
        Papa Onorio III cita Vescovo Corrado di Trieste dinnanzi a sè per
        le violenze fatte in Gemona ai Legati del Re d'Ungheria.
        P. Agostino Theiner, Vetera Monumenta Slavorum Meridionalium.

  227.  1221. XVI. Kal. Aprilis. - Laterani.
        Papa Onorio III conferma la deliberazione del Capitolo di
        Giustinopoli (Capodistria) di portare il numero di Canonici da
        dieci a dodici, qualora i proventi della Mensa Capitolare lo
        concedano.
        P. Agostino Theiner, Vetera Monumenta Slavorum Meridionalium.

  228.  1221. IV Kalendas Maii. - Laterano.
        Papa Onorio III conferma il XIII Canonicato nel Capitolo di
        Trieste instituito da Vescovo Corrado.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  229.  1221. IV Kal. Maii. - Laterano.
        Papa Onorio III conferma al Capitolo di Trieste la donazione di
        certa decima fatta dal Vescovo di Trieste Corrado.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  230.  1221. 15 Novembre, Indizione IX. Aquileja.
        Patriarca Bertoldo riconosce il giuspatronato del Conte Guglielmo
        di Los su quella chiesa plebanale.
        Da pergamena nell'Archivio Capitolare di Udine.

  231.  1222. 23 Gennaro, Indizione X. Parenzo.
        Vescovo di Parenzo Adalpero rinnova il privilegio di Eufrasio.
        Dall'Ughelli, Italia sacra.

  232.  1222. Die V exeunte Februari, Indictione X. Pisini.
        Mainardo Conte di Gorizia, la cognata sua Contessa di Pisino ed il
        nipote Conte Mainardo, donano al Monastero di S. Pietro in Selve
        alcune terre in Rovazolo per rimedio dell'anima del defunto Conte
        Engelberto.
        Pergamena dell'Archivio Capitolare di Montona.

  233.  1222. 22 Giugno, Indizione X. Venezia.
        Patti tra Doge Pietro Ziani dei Veneziani e Patriarca Bertoldo di
        Aquileja.
        Pactorum Liber I. Fol. 278.

  234.  1222. Die XIV exeunte Decembris, Indictione X. Pirani.
        Vendita di porzione di casa e fondo in Pirano vincolata ad
        Ospitale.
        Da Autografo dell'Archivio Municipale di Pirano.

  235.  1223. 6 Novembre, Indizione XI, Trieste.
        Sentenza di arbitri in questione di confini fra il Comune di
        Trieste ed Ugone di Duino dinnanzi il Vescovo di Trieste.
        Bonomo, Monete dei Vescovi. Copia antica nell'Archivio diplomatico
        di Trieste.

  236.  1224. Novembre, Indict. XII. Tergeste.
        Il Capitolo di Trieste dà investitura di terra nella contrada
        esterna di Calvola a Venerio e Sergio de Gaudio.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  237.  1225. 22 Marzo, Indizione XIII. Pola.
        Que' di Valle in espiazione di offesa ospitalità verso Patriarca
        Bertoldo e Conte Mainardo di Gorizia, si dichiarano pronti ad ogni
        loro comando pell'avvenire.
        Archivio domestico de' Conti Portis di Cividale. - Carte Guerra.

  238.  1225. 19 Ottobre, Indizione XIII. Aquileja.
        Compromesso in arbitri pelle questioni tra Badessa Merengarda di
        S. Maria di Aquileja e Comune di Capodistria.
        Archivio domestico de' Conti Portis di Cividale.

  239.  1225. 19 Ottobre, Indizione XIII. Aquileja.
        Badessa Merengarda di S. Maria di Aquileja e Comune di
        Capodistria, fissano per arbitramento le giurisdizioni di ambedue,
        allora in contesa, su Isola.
        Archivio domestico de' Conti Portis di Cividale.

  240.  1225. 7 Novembre, Indizione XIII. Parenzo, nel portico dinnanzi la
            Chiesa di S. Mauro.
        Vescovo Adalberone di Parenzo, ed il Comune di questa città
        riconoscono i confini del territorio censuario dell'Episcopato,
        ossia della terra di S. Mauro.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  241.  1225. 27 Novembre, Indizione XIII. Parenzo.
        Vescovo Adalpero di Parenzo confessa di avere ricevuto dal
        Monastero di S. Michele di Leme le decime arretrate.
        Archivio Capitolare di Parenzo.

  242.  1225. 27 Novembre, Indiz. XIII. Parenzo.
        Vescovo Adalpero di Parenzo confessa di avere percetto la decima
        dal Distretto di S. Michele al Leme, che era Monastero dell'Ordine
        di S. Benedetto.
        Annali dei Camaldolesi.

  243.  1226. 12 Mart. Indict. XIIII. Tergesti in Palatio domini Episcopi.
        Annuncio per pubblico Stromento che tre Canonici di Trieste,
        vinsero lite dinnanzi al Vescovo Corrado, per proprietà di terreno
        nel luogo di Santo Andrea.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  244.  1227. 2 Maggio, Indizione XV. Aquileja.
        Giovanni de Portis a nome del Patriarca d'Aquileja Bertoldo, giura
        di mantenere la pace conchiusa tra questi e la Repubblica di
        Venezia.
        Da pergamena originale nell'Archivio de' Frari in Venezia.

  245.  1228 circa.
        Indulgenze accordate ai contribuenti per l'edifizio del Duomo
        d'Aquileja.
        Archivio domestico dei Conti Portis di Cividale, volumi dell'Otium
        Forojuliensis.

  246.  1228. XV. Kal. Nov.
        Patriarca Bertoldo di Aquileja instituisce la Chiesa di Cernomel
        nel distretto di Mottling con dote fornita dalla Soffia vedova del
        Marchese Enrico d'Istria, monaca, cognata del Patriarca, fratello
        del Marchese, della Casa degli Andechs.
        Dalle Historische Mittheilungen del Carnio.

  247.  1230. 7 Maggio, Indizione III. Pirano.
        Il Comune di Pirano promette a Giovanni Pampolo da Caorle il
        pagamento di trecento centinaja di libre d'olio, meno venticinque.
        Da autografo dell'Archivio Municipale di Pirano.

  248.  1230. 5 Giugno. - Emona.
        Vescovo di Emonia o Cittanova Gerardo conviene mediante arbitro
        col Priore di S. Daniele di Venezia per la nomina del Rettore del
        Monastero di S. Martino.
        Archivio del Monastero di S. Daniele. Corner, Chiese Venete.

  249.  1230. Mese di Luglio, Indizione III. San Germano.
        Imperatore Federico II perpetua la memoria della rinuncia che
        Ottone Duca di Merania fa de' suoi diritti al Marchesato e Contea
        d'Istria, in favore del Patriarca Bertoldo suo fratello e della
        Chiesa Aquilejese.
        Da Apografo di M. Antonio Nicoletti.

  250.  1230. Settembre, Indizione IV. Anagni.
        Federico II Imperatore conferma ai Vescovi di Trieste le donazioni
        degli antecessori suoi fatte alla Chiesa di Trieste.
        Bonomo, Monete dei Vescovi di Trieste.

  251.  1230. 12 Novembre, Indizione III. S. Pietro di Liceto presso
            Cittanova.
        Vescovo di Emonia o Cittanova Gerardo, Vidotto e Fabiano Domini di
        Castel S. Giorgio al Quieto, vengono a concordio sulle violenze
        usate da questi al Monastero di S. Martino.
        Da Autografo esistente nell'Archivio del Monastero di S. Daniele.
        Corner, Chiese Venete.

  252.  1232. 28 Aprile, Indizione V. Aquileja.
        Pronunciamento preparatorio del Decano di Aquileja delegato da
        Patriarca Bertoldo, sulle pretese del Capitolo di Muggia vecchia
        di partecipare all'elezione dei Vescovi di Trieste che era del
        Capitolo cattedrale
        Archivio Capitolare di Trieste.

  253.  1232. 28 Aprile, Indizione V.
        Patriarca Bertoldo di Aquileja pronuncia per sentenza spettare il
        diritto di eleggere il Vescovo al Decano e Capitolo di Trieste
        soltanto, non parteciparvi il Capitolo di Muggia.
        Bonomo, Monete dei Vescovi di Trieste p. 33.

  254.  1232. Mense Decembri, Indictione V. Tergesti.
        La Curia dei Vassalli vescovili decide lite fra Leonardo eletto
        Vescovo di Trieste e Wernardo de Moccò Ministeriale della Chiesa
        tergestina.
        Da membrana dell'Archivio Capitolare di Trieste.

  255.  1233. (Senza note croniche).
        Patriarca Bertoldo di Aquileja, scrive a Volrico de Portis suo
        Canonico, poi Vescovo di Trieste, sulle negoziazioni con Tiso ed i
        Signori da Camino.
        Da autentico dell'Archivio Capitolare. Vedi Muratori, Annali a
        quest'anno per la verificazione della data.

  256.  1233. 23 Agosto, Indizione VI. Trieste.
        Patti fra il Comune di Trieste ed il Comune di Venezia per cose di
        commercio cosi di mare come di terra.
        Liber Albus, Liber Pactorum.

  257.  1233. XII Kal. Octobris. Anagniae.
        Papa Gregorio IX conferma al Capitolo di Trieste le decime della
        città donate da Vescovo Conrado.
        Bolla originale nell'Archivio diplomatico di Trieste. Pende da
        funicelle di seta la bolla plumbea, con le immagine dei SS. Pietro
        e Paolo colle leggende S. PA. SPE. da un lato dall'altro GREGORIVS
        PP. VIIII.

  258.  1233. 7 Ottobre, Indizione VI. Moccò.
        Il Vescovo eletto di Trieste Leonardo conferma ai Canonici le
        decime donate da Vescovo Corrado.
        Archivio Capitolare di Trieste.
        In nomine Dei eterni. Anno Domini Millesimo ducentesimo tricesimo
        tercio. Die VII exeuntis Octobris, Regnante domino F. romanorun
        imperatore. Indictione VI. Dignum est ut qui divinis devote
        ministeriis et ecclesiasticis invigilant indesinenter officiis de
        uberibus consolationis ejusdem matris ecclesie nutriantur. Hinc
        est quod nos L. Dei gratia tergestinus electus inopiam Canonicorum
        prefate tergestine ecclesie que caput est nostri Episcopii
        inambigue cognoscentes decimas grani que ....corpe civitatis ad
        mensam nostram immediate spectare dignoscimus quas per
        predecessorem nostrorum C. bone memorie Episcopo ipsis canonicis
        contulit tamen conditionaliter pro anime nostre nostrorumque
        predecessorum ac subcessorum remedio concedimus, donamus atque
        largimus libere ac absolute decetero. Ita tamen ut religionem
        diligentius servent ecclesiasticam divinas quoque laudes et
        officia nec non et defunctorum memorias Episcoporum precipue
        devocius solito studeant celebrare. Omnes autem hujus facti
        amatores a dextris cum domino pace perfruantur eterna,
        Contradictores vero cum Anania et Saphira suam dampnationem
        excipiant. Actum in castro de Muchou. Presentibus domino Mauro
        Gastaldione, Christiano civitatensi, Christofforo Derosaz et
        aliis. Ego Wodalricus Sacri palacii in tergesti Notar. interfui
        rogatus hanc cartulam supscripsi et roboravi.
        Da cordone di lino pende sigillo in cera a sesto acuto con figura
        in piedi quasi di santo con libro in mano. Intorno a caratteri
        quadrati si legge : LEONARDVS DEI GRATIA = TERGESTINVS ELECTVS.

  259.  1233. IX. Kal. Decembris. - Laterani.
        Papa Gregorio IX accetta la resignazione di Leonardo Vescovo
        eletto di Trieste, e commette al Capitolo di eleggere altro in sua
        vece.
        P. Agostino Theiner, Vetera Monumenta Slavorum Meridionalium.

  260.  1234. XIV Kal. Maii. - Laterani.
        Papa Gregorio IX conferma al Capitolo di Trieste donazione fatta
        dal Vescovo Wernardo.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  261.  1234. 9 Ottobre, Indizione VII. Crepelian.
        Conte Mainardo di Gorizia e Capitolo di Trieste concordano per
        quartesi di decime delle vigne in Longera.
        Coronini, Sillabo di Vescovi di Trieste.

  262.  1235. VIIII Kal. Aprilis. Roma.
        Papa Gregorio IX conferma al Capitolo di Trieste le decime del
        frumento.
        Bolla originale dell'Archivio diplomatico di Trieste. Pende da
        funicelle seriche, bolla plumbea da un lato le imagini dei
        SS. Apostoli Pietro e Paolo dall'altro GREGORIVS PP. VIIII.

  263.  1235. 3 Ottobre, Indizione VIII. Umago.
        Procura rilasciata dal Vescovo Bernardo di Trieste.
        Da membrana dell'Archivio Capitolare di Trieste.

  264.  1235. 12 Novembre, Indizione VIII. Porto di Lauro ossia Muggia
            nuova.
        Vendita di orto in Borgo del Lauro ossia di Muggia nuova, nel sito
        detto: alle Rive.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  265.  1236. 21 Febbrajo, Trieste.
        Vescovo Giovanni di Trieste affranca il Comune per danaro.
        Ireneo della Croce. - Bonomo, Monete dei Vescovi di Trieste.
        - Mainati, Cronache. - Rossetti, Meditaz. - Kandler, Documenti.

  266.  1236. 13 Agosto, Indizione IX. Trieste.
        Il Capitolo di Trieste dà investitura di terra in Zuil a prete
        Ulvino ed agli eredi di questo.
        Archivio Capitolare.

  267.  1236. 6. Decembre Indict. V. Tibure.
        Imperator Federico II pronuncia i dritti di pubblico gius che
        spettano al Patriarca d'Aquileja nel Marchesato d'Istria di
        confronto ai Baroni, ai Comuni ed ai Veneti.
        Da Codice MS. copia d'altro ch'era del Fiscalato di Gorizia e dal
        Cappelletti, Chiese d'Italia. - Aquileja pag. 285.

  268.  1237. 10 Aprile, Indizione X. Trieste.
        Sentenza del Gastaldo e Giudici di Trieste in caso civile, dalla
        quale viene appellato al Vescovo siccome a giusdicente civile.
        Da pergamena dell'Archivio Capitolare di Trieste.

  269.  1237. 11 Maggio, Indizione X. Aquileja.
        Papa Gregorio IX scrive al Preposito di S. Stefano in merito di
        alcune ville del Vescovo di Trieste tenute dal Duca di Carintia
        Bernardo.
        Da pergamena dell'Archivio Capitolare di Trieste.

  270.  1238. 4 Marzo, Indizione XI. Pola.
        Patriarca Bertoldo decide lite fra Pietro Appollonio e soci contro
        il Comune di Pirano, per danaro tolto ai primi dai Veneti, e del
        quale si voleva risponsabile il secondo.
        Autografo dell'Archivio Municipale di Pirano.

  271.  1238. Ottobre, Indizione XI. Negli accampamenti all'assedio di
            Brescia.
        Imperatore Federico II vieta ai Baroni istriani l'esercizio delle
        regalie maggiori, riservate al Marchese.
        Da Libro MS., copia di altro che era del Fiscalato di Gorizia.

  272.  1240. 3 Giugno, Indizione XIII. Venezia.
        Vescovo Volrico di Trieste, mediante Procuratore, tassato in cento
        marche di argento di prestolazioni pontificie, offre trecento
        lire, altrimenti appella al Papa.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  273.  1241. 16 Giugno, Indizione XIIII. Trieste.
        Convenzione fra Capitolo e Monastero di S. Giorgio di Venezia per
        due pranzi a SS. Martiri.
        Bonomo, Monete dei Vescovi di Trieste.

  274.  1243. Indizione I. - Parenzo.
        Episcopo eletto di Parenzo Pagano investe a feudo Leone Vetramo
        della muglia di Ripa Teolo ad uso di pesca verso contribuzione
        della ottava all'Episcopato.
        Archivio Vescovile di Parenzo.

  275.  1243. 4 Febraro, Indizione I. Venezia.
        Il Comune di Pola giura la pace conchiusa col Doge di Venezia.
        Dai Libri Pactorum IV dell'Archivio Veneto.

  276.  1246. 12 Marzo, Pola nella Chiesa della B. V. di Caneto.
        Patriarca Bertoldo Marchese d'Istria pronuncia a favore di Vescovo
        Giovanni di Parenzo contro il Comune di Parenzo, offendente la
        immunità del Vescovo e del Clero parentino.
        Da copia nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  277.  1246. 19 Giugno. - Lione di Francia.
        Papa Innocenzo IV conferma il numero denario di Canonici in
        Capodistria.
        Naldini, Corografia di Capodistria pag. 122.

  278.  1247. 7 Aprile, Indizione V. Trieste.
        Il Plebano di Cosana rinuncia la plebe in mani del Vescovo di
        Trieste Vodolrico; il Vescovo ne dà investita al Capitolo, salvi i
        diritti di Cattedralità ed Arcidiaconato; Il Capitolo reinveste lo
        stesso Plebano Peregrino.
        Archivio diplomatico di Trieste. Atti dei Vicedomini Vol. XL.
        Originale nell'Archivio Capitolare di Trieste.

  279.  1247. 2 Ottobre, Indizione V. Giustinopoli.
        Corrado, Vescovo di Capodistria, conferma al Monastero di
        S. Michele di Murano, l'esenzione dalla decima della loro casa
        nella Contrada di Grema in Capodistria, salvo il quartese dovuto
        ai Canonici.
        Annali dei Camaldolesi.

  280.  1248. 14 Settembre, Indiz. VII. Venezia.
        Patti fra Doge Giacomo Tiepolo dei Veneziani e Patriarca Bertoldo
        di Aquileja.
        Pactorum Liber I. Fol. 217.

  281.  1248. 29 Novembre. - Venezia.
        Decreto del Maggior Consiglio di Venezia circa il modo e l'ordine
        della introduzione ed esportazione delle merci in Aquileja e
        percezione del Quarantesimo.
        Volume Bifrons, Deliberazioni del Maggior Consiglio. Archivio
        generale dei Frari.

  282.  1250. XVII. Kal. Septembris. - Lugduni.
        Papa Innocenzo IV approva la nomina di Maestro Gualtiero Canonico
        di Aquileja e di Pola, nipote del Decano di Aquileja, in Canonico
        di Capodistria.
        P. Agostino Theiner, Vetera Monumenta Slavorum Meridionalium.

  283.  1251. XV. Kal. Augusti. - Mediolani.
        Papa Innocenzo IV autorizza Vescovo N ..... di Pola, che scomunicò
        il Podestà Galvano ed il Consiglio di Pola, ed interdisse la città
        tutta, di conferire ad altri li benefici dei Sacerdoti, che
        contumaci all'interdetto, continuano a celebrare.
        P. Agostino Theiner, Vetera Monumenta Slavorum Meridionalium.

  284.  1251. 27 Novembre, Indizione IX. Trieste.
        Donna Pedernica del fu Venerio Conca vende a prete Andrea Custode
        del Duomo di Trieste una vigna alla riviera di S. Andrea.
        Da pergamena originale dell'Archivio Portis di Cividale.

  285.  1252. 1. Marzo, Indizione X. Parenzo.
        Vescovo Giovanni di Parenzo protesta contro ogni alienazione del
        territorio parentino che è di ragione diretta della Chiesa di
        Parenzo, tanto se già diviso ed assegnato a singoli possidenti,
        quanto tenuto in comune.
        Archivio Parentino.

  286.  1252. 9 Marzo, Indizione XI. Capodistria.
        Il Plebano ed il Capitolo di Pirano fissano a sei le prebende
        nella Chiesa di Pirano, mancando mezzi a dotarne di più.
        Da Allegazione stampata.

  287.  1252. 12 Maggio, Indizione IX. Pola.
        Vescovo Giovanni di Parenzo giudice compromissario decide
        questione fra la villa di S. Vincenzo e Due-Castelli per pascoli
        di fondi comunali.
        Da copia nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  288.  1252. 4 Luglio, Indizione X. Rovigno.
        La Curia dei vassalli del Vescovo di Parenzo pronuncia caducità
        dei feudi Orsaresi, nel caso i vassalli alienassero, o lasciassero
        di abitarvi.
        Da copia nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  289.  1253. 1. Maggio, Indizione XI. Isola.
        I Consoli d'Isola rilasciano mandato di procura per intervenire in
        causa contro la Badessa del Monastero di S. Maria d'Aquileja.
        Da Carta originale.

  290.  1253. Die VI exeunte Maio, Indictione XI. Tergeste.
        Vescovo Ulrico o Volrico de Portis cede per danaro molti dei
        diritti pubblici di Baronia maggiore al Comune di Trieste.
        Archivio diplomatico di Trieste - Bonomo, Monete dei Vescovi.

  291.  1253. V Kal. Julii. - Assisii.
        Papa Innocenzo IV conferma nella chiesa plebanale di Pirano il
        numero di sei Canonici collegiati.
        Da Allegazione stampata.

  292.  1254. III. Idus Martii. - Neapolis.
        Papa Alessandro IV incarica il Vescovo di Castello (Venezia) di
        dare ai triestini Vescovo nella persona di Warnero de Cuccagna.
        P. Agostino Theiner, Vetera Monumenta Slavorum Meridionalium.

  293.  1254. 23 Aprile, Indizione XII. Venezia.
        Patti fra Doge Raniero Zeno dei Veneziani e Patriarca Gregorio di
        Aquileja.
        Pactorum Liber I. Fol. 311.

  294.  1254. 6 Giugno, Indizione XII. Udine.
        Patriarca Gregorio di Aquileja giura l'osservanza dei patti ai
        Veneziani.
        Pactorum Liber I. Fol. 314.

  295.  1254. 9 Ottobre, Indizione XII. Giustinopoli.
        Landone di Montelongo, Podestà di Capodistria e di Pirano, ascolta
        appello in questione fra i Comuni di Pirano e di Isola per
        terreno.
        Archivio municipale di Pirano.

  296.  1254. XV. Kal. Decembris. - Neapoli.
        Papa Innocenzo IV commette ai Vescovi di Pola, di Pedena e di
        Capodistria la conferma e consacrazione di Arlongo dei Visgoni o
        Voitsperg eletto Vescovo di Trieste.
        P. Agostino Theiner, Vetera Monumenta Slavorum Meridionalium.

  297.  1255. 16 Aprile, Indiz. XIII. Villa di Premarias.
        Conte Mainardo di Gorizia giura l'osservanza della pace conchiusa
        con Doge dei Veneziani Raniero Zeno.
        Pactorum Liber I. Fol. 314.

  298.  1255. 7 Maggio, Indizione XIII. Cividale.
        Il Comune di Capodistria chiede a Patriarca Gregorio il permesso
        di nominare proprio Podestà.
        Atti del Nodaro de Lupico.

  299.  1255. 9 Giugno, Indizione XIII. Cividale.
        Warnero de Cucagna, già Canonico di Aquilegia (1252) e di Cividale
        (1248) Eletto Vescovo di Trieste è presente ad un testamento.
        Archivio domestico de' Conti Portis di Cividale.

  300.  1255. Decembris, Indictione VIII. Velletri.
        Papa Alessandro IV restituisce al Capitolo di Pirano due prebende
        della chiesa piranese che Vescovo Corrado aveva dato
        all'Arcidiacono e Canonico di Capodistria suo Cappellano.
        Da Allegazione stampata.

  301.  1256. Indizione XIV. - Cividale.
        Warnero de Cucagna già Vescovo eletto di Trieste figura quale
        Canonico di Cividale.
        Archivio domestico de' Conti Portis di Cividale.

  302.  1256. 20 Agosto, Indizione XIV. Montona.
        Il Comune di Montona vende a Jurse de Boazo un terreno in
        Mondellebotte.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  303.  1256. IIII Decemb., Ind. XIIII. Terg.
        Il Capitolo di Trieste dà in fitto vigne nella contrada di Isella.
        Originale nell'Archivio Capitolare.

  304.  1257. 8 Marzo, Indizione XV. Nell'accampamento dinanzi Duino.
        Il Patriarca Gregorio accusa ricevuta di 400 lire di piccoli dal
        Comune di Pola a conto delle 2000 lire che quel Comune deve
        pagargli annualmente.
        Dagli Atti del Notaro Giovanni de Lupico.

  305.  1257. 2 Aprile, Indizione XV. Trieste.
        Vescovo Arlongo dà al Comune di Trieste investita feudale delli
        diritti che Vescovo Volrico aveva ceduto nel 1253.
        Dall'originale esistente nell'Archivio Capitolare di Udine
        comunicato dall'Abb. Bianchi.

  306.  1257. 6 Maggio. - Venezia.
        Incenso pagato per censo al Patriarca d'Aquileja da Marco Coppo di
        Venezia, per una vigna da lui comperata in Giustinopoli.
        Atti di Giov. da Lupico nell'Archivio Capitolare di Udine.

  307.  1257. 27 Novembre, Ind. XVI. Trieste.
        Divisione fra Capitolo di Trieste e Giovanni Zusolo di terre
        comuni in Isella.
        Archivio Capitolare.

  308.  1258. .....
        Vescovo Ottone di Parenzo ammonisce il Comune di Parenzo a
        rivocare li attacchi alla libertà della Chiesa ed a risarcire
        danni ed ingiurie.
        Da copia nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  309.  1258.
        Rotolo o Ruolo delle possessioni di ragione della Chiesa vescovile
        di Parenzo, concedute a private persone a titolo di semplice
        locazione.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  310.  1258. 18 Marzo, Indizione I. Cividale.
        Il Comune di Montona chiede in Podestà Genisio de Bernardi di
        Padova, al Patriarca Gregorio de Montelongo.
        Atti del Nodaro de Lupico.

  311.  1258. V. Idus Aprilis. - Viterbo.
        Papa Alessandro IV commette a Vescovo Corrado di Capodistria
        decisione di lite per decime di Trieste.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  312.  1258. 23 Aprile, Indizione I. Cividale.
        Giannino di Marco, Podestà di Parenzo, compromette nel Patriarca
        Gregorio per le contese con Montona.
        Atti del Nodaro de Lupico.

  313.  1258. 23 Aprile, Indizione I. Cividale.
        Compromesso del Comune di Montona nel Patriarca Gregorio di
        Montelongo nelle contese col Comune di Parenzo.
        Atti del Nodaro de Lupico.

  314.  1258. 23 Aprile, Indizione I. Cividale.
        Podestà Giannino di Capodistria promette che il Comune di Parenzo
        ratificherà il laudo di Patriarca Gregorio nelle questioni con
        Montona.
        Atti del Nodaro de Lupico.

  315.  1258. 1. Maggio, Indizione I. Cividale.
        Vescovo Alberto di Concordia Vicedomino del Patriarca Gregorio di
        Aquileja ordina ai Comuni di Parenzo e di Montona, tregua,
        pendente il laudo nelle loro questioni.
        Atti del Nodaro de Lupico.

  316.  1258. Prima metà di Giugno, Indizione I. Cividale.
        Wintero da Pisino costituisce in ipoteca a Patriarca Gregorio le
        ville di S. Vito, ad Vac e Postech in sicurezza del diroccamento
        del Castello di Gotenich ad ogni volontà del Patriarca.
        Atti del Nodaro de Lupico.

  317.  1258. 13 Giugno, Indizione I. Cividale.
        Arbitramento di Patriarca Gregorio da Montelongo nelle contese fra
        Parenzo e Montona.
        Atti del Nodaro de Lupico.

  318.  1258. 22 Giugno. - Viterbo.
        Papa Alessandro IV minaccia le censure ecclesiastiche ai Conti di
        Gorizia e ad altri detentori di possessioni spettanti alla Chiesa
        Aquilejese in quella Diocesi, ed in quella di Trieste.
        Atti del Notajo Giovanni de Lupico.

  319.  1258. 13 Luglio, Indizione I. Cividale.
        Il Comune di Muggia chiede al Patriarca Gregorio licenza di
        nominare a Podestà Genesio de Bernardi di Padova.
        Atti del Nodaro de Lupico.

  320.  1258. 11 Settembre, Indizione I. Cividale.
        Gregorio Patriarca dà procura a Ginesio (de Bernardi di Padova) ed
        al pievano di Muggia Girardo, perchè riscuotano in suo nome dal
        Comune di Pola 2000 lire veneziane.
        Dagli Atti del Notaro de Lupico.

  321.  1259. Die IV exeunte Marcio, Indict. II. Pirano.
        Conone da Momiano Podestà di Pirano pronuncia su certo danaro
        posto a debito del Comune di Pirano.
        Da pergamena dell'Archivio municipale di Pirano.

  322.  1260 circa .....
        Questioni tra Stefano di Castelnuovo, e Conone e Biaquino di
        Momiano. (Povero brandello).
        Dagli Atti del Notaro de Lupico.

  323.  1260. 16 Gennaro, Indizione III. Aquileja.
        Il Comune d'Isola nomina di proprio arbitrio il Gastaldo;
        l'Abbadessa di S. Maria d'Aquileja chiamata a darvi conferma lo
        rifiuta, perchè non nominato di suo assenso ed intervento.
        Da Pergamena originale.

  324.  1260. 20 Febbraro, Indizione III. Tergeste.
        Cernegor slavo, promette al Capitolo di Trieste di non lasciare
        per sei anni prossimi la casa che tiene da quello, sotto confisca
        di ogni suo avere mobile e stabile ovunque posto.
        Archivio Capitolare.

  325.  1260. Kalendas Novembris, Indictione III.
        Duca di Carintia Ulrico III Signore del Carnio dell'Istria e della
        Carsia fonda e dota il Monastero di Valgiojosa (Freudenthal) nel
        Carnio.
        Biblioteca palatina da cui lo trasse il Richter.

  326.  1261. 13 Gennaro, Indizione IV. Parenzo.
        Vescovo Ottone di Parenzo concede la chiesa di S. Michele presso
        Pisino ad Enrico di Pisino.
        Dall'Archivio Episcopale Parentino.

  327.  1262. 21 Febraro, Indict. V. Giustinopoli.
        Vescovo Corrado di Capodistria esenta l'Ospitale di Capodistria
        dalla dipendenza vescovile e capitolare.
        Annali dei Camaldolesi.

  328.  1262. 17 Luglio, Indizione V. Gemona.
        Patriarca Gregorio dà il beneficio della Pieve di Lint al Vescovo
        eletto di Pedena Wernardo, che n'era stato parroco; e ciò in vista
        della tenuità delle rendite del Vescovato.
        Dagli atti del Notaro Giovanni de Lupico.

  329.  1262. Die octavo exeunte Octobris, Indictione V. Justinopoli.
        Capodistria concede a Giovanni Goina piranese reppresaglie per
        indennizzo di danni arrecatigli da Pirano.
        Da autografo dell'Archivio municipale di Pirano.

  330.  1262. Die III exeunte Novembri, Indictione VI. Venetiis.
        Doge Renier Zeno ordina al Comune di Pirano di non sottoporre gli
        incoli a fazioni maggiori che in ragione delle loro possidenze.
        Da Autografo dell'Archivio di Pirano.

  331.  1263. Die X intrante Marcio, Indictione VI. Pirani.
        Marino, marito di Alba piranese, nel pagare la fazione
        corrispondente alla sua possidenza, minaccia di invocare la
        protezione del Doge e del Comune di Grado, se lo tansassero oltre
        quelle.
        Da autografo dell'Archivio di Pirano.

  332.  1263. Die III. exeunte Decembris, Indictione VI. In Burgo Lauri.
        Vescovo di Trieste Arlongo nel consacrare la nuova Chiesa dei
        SS. Giovanni e Paolo di Borgo del Lauro, ossia di Muggia nuova, la
        mantiene soggetta alla chiesa della B. V. Assunta de Castro Muglae
        ossia di Muggia vecchia.
        Da copia privata.

  333.  1264. 16 Marzo, Indizione VII. Giustinopoli.
        Senesio Ricario in Istria pel Patriarca Gregorio da Montelongo
        concede ai Frati Minori di Capodistria una piazza in cambio di
        altra.
        Dal Carli, Antichità Italiche.

  334.  1264. 13 Luglio. - Muggia nuova.
        Patriarca Gregorio Marchese d'Istria investe Enrico da Pisino ed i
        figli di questo del Castello di Lupoglau.
        Da copia esistente nella Collezione Pirona di Udine, comunicata
        all'Archivio diplomatico di Trieste.

  335.  1264. Die ..... exeunte Decembr., Indictione VII. Pirani.
        Guarentigia prestata da alcuni piranesi a favore di Giovanni qm.
        Zazeto di Padova per un suo credito verso il Comune.
        Da autografo dell'Archivio municipale di Pirano.

  336.  1265. III. Kal. Januarii. - Justinopoli.
        Vescovo Corrado di Giustinopoli o Capodistria permette ai Frati
        Minori di S. Francesco di diroccare la Chiesa loro di
        S. Francesco, e coi materiali di quella costruirne altra nel sito
        detto Caprile, della quale esso Vescovo pose la pietra
        fondamentale.
        Dall'Ughelli, Italia sacra. - Justinopolit. Episc.

  337.  1265. 21 (IX Exeunte Marcio) Ind. VIII. Trieste.
        Albuina designata monaca della Cella dona a suo fratello Natale un
        soprasolaro ed una vigna pel caso sia fatta la Cella di Monache in
        Trieste.
        Da autografo del Monastero di S. Cipriano di Trieste.

  338.  1265. Fine di Aprile, Indizione VIII. Cividale.
        Il Comune di Parenzo chiede mediante Nuncî del Podestà Filippo
        Gradenigo al Patriarca Gregorio di Montelongo di elegger Podestà
        per l'anno seguente.
        Atti del Nodaro de Lupico.

  339.  1265. 18 Kal. Julii. - Nidekk nella Marca Schiavonica.
        Duca Ulrico di Carintia, Signore del Carnio e della Marca Vindica,
        fissa la giurisdizione alta del Giudice provinciale, e l'inferiore
        del Vescovo di Frisinga sul predio di quest'ultimo.
        Hormayer, Archiv für Süddeutschland.

  340.  1265. 26 Ottobre, Indizione VIII. Giustinopoli.
        Il Capitolo cattedrale di Capodistria conferma al Monastero di
        S. Michele di Murano il quartese che godeva in Capodistria.
        Annali dei Camaldolesi.

  341.  1266. 3 Luglio, Indizione X. Cividale.
        Patriarca Gregorio e Conte Alberto d'Istria patteggiano per la
        spedizione militare contro Capodistria.
        Dal Diplomatario Austriaco del Can. Chmel.

  342.  1266. 18 Settembre, Indizione IX. Parenzo.
        Il Monastero di S. Pietro in Selve compra dal Monastero di
        S.Petronilla dei due Castelli la metà del territorio di S. Michele
        di Leme.
        Annali dei Camaldolesi.

  343.  1266. 3 Ottobre. - Viterbo.
        Papa Clemente IV lauda Vescovo Corrado di Giustinopoli o
        Capodistria per li favori dati ai Frati Minori Francescani di
        Capodistria.
        Dall'Ughelli, Italia sacra. - Justinopolit. Episc.

  344.  1266. 11 Novembre, Indizione IX. Giustinopoli.
        Vescovo Corrado di Capodistria assolve il Monastero di Donne di
        S. Antonio di Torcello dalla decima delle vigne che hanno in
        Pirano e nella Diocesi.
        Dall'Ughelli, Italia sacra. - Justinopolit. Episc.

  345.  1266. 11 Decembre, Indizione IV. Valditorre.
        Vescovo Ottone di Parenzo riconosce i confini delle peschiere al
        Quieto.
        Da copia nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  346.  1267. 3 Luglio, Indizione X. Cividale.
        Patriarca Gregorio da Montelongo ed Alberto Conte d'Istria
        convengono della guerra contro i giustinopolitani e della
        ripartizione delle prede future.
        Chmel, Diplomatario Austriaco.

  347.  1268. Indizione XII. Capodistria.
        Notizia delle costruzioni fatte dal Capitano di Capodistria Marino
        Morosini in questa città.
        Dal marmo conservato in Ginnasio.

  348.  1268. 13 Agosto, Indizione XI. Capodistria.
        La città di Capodistria prende in protezione e difesa il Castello
        di Buje in nome e per conto del Conte Alberto d'Istria contro
        Patriarca Gregorio di Montelongo.
        Carli, Antichità italiche.

  349.  1269. 26 Ottobre, Indizione XII.
        Il Decano ed il Vicedomo d'Aquileja, sede vacante, confermano al
        Comune di Pinguente la remissione della Colletta.
        Dall'originale ?

  350.  1269. 29 Dicembre, Indizione XII. Venezia.
        Dedizione del Castello di Umago al Principe Veneto, sottraendosi
        di fatto al Principato dei Patriarchi di Aquileja, ed al Dominio
        dei Vescovi di Trieste.
        Comunicato dal Decano di Umago D. Luigi Bencich.

  351.  1270. 6 Gennaro, Indizione XIII. Venezia.
        Doge Lorenzo Tiepolo mitiga al Comune di Pirano le penali per non
        data tangente d'uomini, e per contrabbando.
        Da autografo dell'Archivio di Pirano.

  352.  1270. 5 Marzo, Indizione XIII. Pirano nella Chiesa di Santo Stefan
        Il Comune di Pirano limita l'estensione dei diritti del Patriarca
        Marchese d'Istria per la sua Regalia e pel Gastaldione.
        Archivio Municipale di Pirano.

  353.  1270. 24 Agosto, Indizione XIII. Udine.
        Sentenza di scomunica ed interdetto pronunciata dal Vescovo Ottone
        di Parenzo, confermata dal Decano e Capitolo di Aquileja contro il
        Podestà di Parenzo Marco Micheli, li Officiali, il Consiglio ed
        il Comune di Parenzo.
        Da copia nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  354.  1270. 22 Novembre, Indizione XIII. Orsera.
        Vescovo di Parenzo Ottone ed il Capitolo investono a titolo
        feudale Nicolò di Montona delle aque e dei molini di Gradula
        presso Parenzo.
        Da copia nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  355.  1271. 13 Agosto, Indizione XIV. Capodistria.
        Morte in Ariolo di Capodistria della Monaca Cunizza della Casa
        ducale di Carintia, riparatavi da Sacile, per fuggire le
        persecuzioni e le crudeltà di Ezzelino da Romano.
        Da lamina di metallo ritrovata in Ariolo territorio di
        Capodistria, registrata dal Carli Antichità italiche.

  356.  1271. 28 Novembre, Indizione XIIII. Trieste.
        Canonico Pietro Zuileto di Trieste concede alli Mainardo e
        Costantino di Rizmagne perpetua stazione alla Cappella di
        Santo Saba - sembra come santesi.
        Archivio Capitolare.

  357.  1273. 14 Decembre, Indizione I. Parenzo.
        Il Comune di Parenzo promette a Vescovo Ottone di Parenzo ed al
        Capitolo la restituzione di un Testa - Vangelo (?) d'oro e di un
        torribolo aurato, pignorati a tempo del Podestà di Parenzo
        Bernardino da Trieste.
        Copia nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  358.  1274. 11 Febbrajo, Indizione III. .....
        Conferma di Pace tra Patriarca e Venezia.
        Da carte 85 del Registro marcato: Pacta Ferrarie, anni 1059-1407,
        conservato nell'I.R. Archivio Generale di Venezia.

  359.  1274. 26 Aprile, Indizione II. Trieste.
        Procura rilasciata dal Vicario del Vescovo Arlongo per appellare
        al Patriarca.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  360.  1274. 8 Luglio, Indizione II. Pirano.
        Brandello degli Statuti di Pirano.
        Da copia in processo dell'Archivio di Pirano.

  361.  1274. Die XIV exeunte Augusto, Indictione II. Civitate Austriae.
        Trattato di pace del Patriarca Raimondo di Aquileja col Conte
        Alberto di Gorizia e d'Istria.
        Comunicato dal Bibliotecario Prof. Abb. Bianchi da Udine.

  362.  1274. Die XI Nov., Indictione II. Venetiis.
        Doge Lorenzo Tiepolo rinnova al Comune di Pirano il divieto di
        prendere a Podestà Conone Signore di Momiano.
        Da autografo dell'Archivio di Pirano.

  363.  1275. 24 Febbrajo, Indizione III. Cividale.
        Tregua tra Patriarca Raimondo e Conte Alberto di Gorizia pel
        possesso del Castello di Cormons rimessa pel giudizio al prossimo
        Parlamento in Campoformio.
        Da Facsimile tratto dall'originale pergamena che si conserva nella
        Marciana.

  364.  1275. 5 Maggio. - Sulla linea di confine tra Contea e Marchesato.
        Patriarca di Aquileja Raimondo Marchese d'Istria, e Conte
        Alberto II d'Istria riconoscono i confini dei Comuni al limite
        delle rispettive loro giurisdizioni.
        Da copie private.

  365.  1276. 18 Marzo, Indizione IIII. Justinopoli.
        Protesta ed appello al Papa del Vescovo Arlongo di Trieste contro
        Bernardino pure da Trieste, vassallo episcopale.
        Archivio capitolare di Trieste.

  366.  1276. 3 Luglio, Indizione IV. Trieste.
        Puzel de Schwarzeneck ed Ottone suo figlio alienano a Giroldo
        Menaschiavi un molino in Zaule a titolo feudale.
        Archivio diplomatico di Trieste. V.D. Vol. VI, Fasc. II.

  367.  1276. 3 Luglio, Indizione IV. Trieste.
        Vescovo di Trieste Arlongo investe Giroldo Menaschiavi di un
        molino in Zaule.
        Archivio diplomatico di Trieste. V.D. Volume VI, fasc. II.

  368.  1276. 3 Luglio, Indizione IV. Trieste.
        Il Conte di Trieste, Vescovo Arlongo investe a feudo Ghiroldo
        Menaschiavi d'un molino nella Contrada di Zaule presso Bagnoli.
        Archivio diplomatico di Trieste. Atti della Vicedominaria.

  369.  1276. 3 Agosto. - Cividale.
        A Trieste ed in Istria si raccolgono decime in soccorso di Terra
        Santa.
        Archivio domestico de' Conti Portis di Cividale: copie Guerra.

  370.  1276. Secundo Nonas Octobris. - Viterbii.
        Papa Giovanni XIII commette al Vescovo di Castello a Venezia,
        all'Arcidiacono ed all'Arciprete di Grado, di decidere questione
        fra il Capitolo di Capodistria ed il Convento di S. Cipriano di
        Murano per causa di biade.
        Corner, Chiese Venete.

  371.  1277. 9 Luglio, Indizione V. Cividale.
        Patriarca di Aquileja Raimondo ratifica con giuramento i Patti
        esistenti col Doge e col Comune di Venezia.
        Da antico apografo.

  372.  1277. 13 Agosto, Indizione V. Udine.
        Raimondo Patriarca permette rappresaglie sui beni de' Veneti in
        Friuli a Bandino del fu Bonromano da Firenze, che dal Conte di
        Veglia era stato derubato mentr'era in Istria Vicario del Marchese
        Gregorio della Torre.
        Archivio domestico de' Conti Portis di Cividale.

  373.  1277. 7 Settembre, Ind. V. Cividale.
        Protesta fatta dal Vescovo Arlongo di Trieste, in processo civile
        intentato dinnanzi Maestro Guidone giudice delegato da Patriarca
        Raimondo della Torre.
        Archivio Capitolare.

  374.  1277. 20 Settembre, Indizione IV. Pisino.
        Vescovo Ottone di Parenzo e Conte Alberto d'Istria investono a
        titolo di feudo Ottone di Sovignacco del Castello di Nigrignano.
        Da copia nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  375.  1278. 10 Gennaro, Indizione VI. Due Castelli.
        Patriarca Raimondo della Torre, essendo in Duecastelli commette a
        Monfiorito di Pola, suo Ricario in Istria, la custodia della Torre
        di Duecastelli, depone il Meriga, ed ordina inquisizione contro
        omicidi e derobatori.
        Abb. Bianchi documenti per la storia del Friuli.

  376.  1278. Penultimo Gennaro, Indizione VI. Parenzo.
        Vescovo Ottone scomunica quelli del Consiglio Parentino che
        diedero ausilio al Podestà occupatore del territorio della Chiesa
        di Parenzo.
        Da copia nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  377.  1278. 21 Marzo, Indizione VI. Venezia.
        Il Comune di Montona si dà in sudditanza alla Repubblica veneta.
        Da antichi registri nell'Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  378.  1278. 1. Giugno, Indizione VI. Padova.
        Giuramento del Ricario d'Istria Genesio Bernardi, a mani del Pat.
        Raimondo.
        Originale nella Collezione Fabrizi; comunicazione dell'Abb.
        D. Giuseppe Bianchi all'Archivio diplomatico di Trieste.

  379.  1278. 10 Luglio, Indizione VI. Tergeste in Choro Ecclesiae S. Just
        Vescovo Arlongo di Trieste fonda il Convento della Cella di
        Trieste.
        Archivio delle Benedettine di Trieste.

  380.  1279. 9 Febbraro, Indizione VII. Parenzo.
        Vescovo Ottone di Parenzo investe a titolo di feudo Rantolfo del
        fu Basilio di Trieste con la quarta parte delle decime di Rovigno.
        Archivio vescovile Parentino.

  381.  1279. 19 Febbraro, Indizione VII. Parenzo.
        Vescovo Ottone di Parenzo per un mutuo di duecento trentadue lire
        di piccoli avuto dal triestino Rantulfo del fu Basileo di Trieste,
        investe questi della quarta parte delle decime di Rovigno.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  382.  1279. Die XVII intrante Junii, Indictione VII. Venetiis.
        Doge Jacopo Contarini raccomanda al Podestà di Pirano Marino
        Polani il veneziano Jacopo Rampino.
        Da autografo dell'Archivio municipale di Pirano.

  383.  1279. 30 Luglio, Indizione VII. Cittanova.
        Una parte del Capitolo Emonese elegge Frà Umile cappellano del
        Patriarca Raimondo a successore di Vescovo Nicolò.
        Archivio domestico de' Conti Portis di Cividale.

  384.  1279. 31 Luglio, Indizione VII. Cittanova.
        Una parte del Capitolo Emonense elegge Egidio Canonico di quella
        chiesa a successore di Vescovo Nicolò.
        Archivio domestico de' Conti Portis di Cividale.

  385.  1279. 25 Agosto.
        Patriarca di Aquileja Raimondo dà in pegno la Dogana di
        Monfalcone, e la Grazia del vino d'Istria ai mercadanti fiorentini
        Manuccio Danieli e Caponcino Caponi, in sicurezza di mutuo.
        Notaro Giov. de Lupico, originale nella Biblioteca Municipale di
        Udine.

  386.  1279. 1. Settembre, Indizione VII. Lodi.
        Giuramento di officio del Gastaldione di Muggia a mani di
        Patriarca Raimondo della Torre.
        Originale nella Biblioteca di Udine; comunicazione dell'Abb.
        D. Giuseppe Bianchi all'Archivio diplomatico di Trieste.

  387.  1279. 6 Settembre, Indizione VII. Lodi.
        Patriarca Raimondo conferisce a Simone Decano della Chiesa
        Emonense la chiesa di S. Eliseo di Buje.
        Atti del Nodaro Patriarcale de Lupico.

  388.  1279. 7 Ottobre, Indizione VII. Lodi.
        Sindacato della elezione duplice di Benvenuto detto Bono Pievano
        di Sacile, e di Oldorico Decano di Capodistria al Vescovato
        Giustinopolitano.
        Archivio domestico de' Conti Portis di Cividale.

  389.  1279. 8 Dicembre, Indizione VII. Lodi.
        Raimondo Patriarca annunzia agli Officiali, Rettori ecc. d'Istria
        e Schiavonia d'aver eletto a suo procuratore Nicolò Delfino suo
        Capellano ed Arcidiacono di Pola per riscuotere le collette in
        que' luoghi.
        Atti del Notajo Giovanni de Lupico.

  390.  1279. 25 Decembre, Indizione VII. Parenzo.
        Vescovo Ottone di Parenzo revoca ogni alienazione di terre entro
        l'agro di S. Mauro, fatte a forestieri non cittadini di Parenzo.
        Archivio domestico dei Marchesi de Polesini.

  391.  1279. 29 Dicembre, Indizione VII. Lodi.
        Il Patriarca Raimondo eccita Genisio de Bernardis nominato suo
        Ricario in Istria a recarsi colà per assumervi il suo officio, o a
        dichiararsi in proposito.
        Dalle Note di Giovanni de Lupico.

  392.  1280. 22 Marzo, Indict. VIII. Terg.
        Investita di terra in Senosechia.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  393.  1280. 19 Luglio, Indizione VIII. Parenzo.
        Vescovo Ottone di Parenzo rinnova investitura feudale ad Ottone di
        Sovignaco del Castello di Nigrignano al Quieto.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  394.  1280. 4 Ottobre, Indizione IX. Venezia.
        Commissione ducale a due ambasciatori mandati dalla Signoria di
        Venezia al Patriarca d'Aquileja, per domandare risarcimento di
        danni portati a sudditi Veneti; per scusarsi dell'occupazione di
        alcuni luoghi dell'Istria e per trattare della definitiva cessione
        di questi alla Repubblica.
        Da pergamena originale nell'Archivio de' Frari in Venezia.

  395.  1281. III Kal. Septembris. - Orvieto.
        Collazione della pieve di Cossana a Germano prete fatta dal
        Patriarca di Aquileja, ratificata dal Papa.
        Da copia nell'Archivio Capitolare di Trieste.

  396.  1282. ..... - Trieste.
        Nicolò da Butrio Podestà, i Giudici, e il Consiglio di Trieste
        rinunciano al Vescovo Ulvino de Portis il Castello di Moccò, e le
        ville.
        Archivio domestico dei Conti Portis di Cividale. - Otium
        Forojuliense, Volume LIV-VVV, pag. 206. - Liber Variorum
        dell'Archivio di Cividale del Friuli.

  397.  1282. V Kalendas Martii. - Orvieto.
        Papa Martino IV commette al Decano di Concordia la protezione del
        Convento di S. Maria della Cella di Trieste.
        Autografo del Monastero di S. Cipriano di Trieste.

  398.  1282. Die X exeunte Julio, Indictione X. Civitate.
        Patriarca Raimondo d'Aquileja consente al matrimonio di Almotta
        figlia di Varnerio da Cuccagna suo ministeriale con Andrea da
        Piuma ministeriale del Conte di Gorizia a condizione che i figli
        rimanghino una metà in soggezione del Patriarca, l'altra del
        Conte.
        Da originale veduto.

  399.  1282. 9 Agosto, Indizione X. Trieste.
        Conte di Trieste, Vescovo Ulvino, rinnova investitura feudale a
        Marco Giroldo da Trieste, vassallo vescovile.
        Archivio diplomatico di Trieste. V.D. Vol. VI, fasc. II.

  400.  1282. 8 Dicembre, Indizione IX. Parenzo.
        Elisabetta moglie di Enrico da Pisino che fu, confessa di essere
        pel figlio suo Angelino, vassalla dell'Episcopato di Parenzo e di
        avere in feudo di paterna eredità otto masi nella villa di Torre,
        ed il monte di S. Michele sopra Pisino.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  401.  1282. Aquileja, Indictione X die 14 exeunt. Decemb.
        Monitorio di Scomunica ed interdetto pronunciati da Patriarca
        Raimondo di Aquileja, contro gli usurpatori dei beni delle Chiese.
        Da Copia nell'Archivio diplomatico di Trieste, sta anche nel
        Rubeis Mon. Eccl. Aquilej. pag. 789.

  402.  1283. 14 Gennaro, Indizione XI. Venezia.
        Pre Marco da Parenzo narra le persecuzioni fatte in Parenzo alla
        libertà della Chiesa e dei chierici ad opera del Podestà e del
        Consiglio.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  403.  1283 (more veneto 1282). 22 Gennaro. - Venezia.
        Il Principe veneto accetta in dedizione la Terra di Pirano,
        offertasi a lui, mentre era in sudditanza del Patriarca di
        Aquileja.
        Da stampa di processo.

  404.  1283. 24 Gennaro, Indizione XI. Parenzo.
        Indicazione di peschiere vescovili date in feudo a private
        persone.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  405.  1283. 26 Gennaro, Indizione XI. Venezia.
        Dedizione di Pirano alla Repubblica veneta.
        Archivio di Pirano.

  406.  1283. Die XII exeunte Marcio, Indictione XI. Pirani.
        Vescovo di Parenzo Bonifazio chiede a Marino Zorzi Podestà di
        Pirano che apra e pubblichi certa bolla del Papa.
        Da autografo dell'Archivio Municipale di Pirano.

  407.  1283. 28 Ottobre, Indizione XI. Udine.
        Patriarca Raimondo conferma la elezione di Vitale Decano del
        Capitolo di Trieste in Vescovo di Capodistria.
        Atti del Notaro Giov. de Lupico. Apografo Fabrizi.

  408.  1283. Penultimo di Novembre, Indizione XI. Venezia.
        Vescovo Bonifazio di Parenzo fa rilevare, essendo in Venezia, le
        persecuzioni fatte alle persone ecclesiastiche ed alla libertà
        della Chiesa del Podestà e Comune di Parenzo.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  409.  1284. 20 Gennaro. - Venezia.
        Vescovo Bonifazio di Parenzo, pronuncia scomunica contro il
        Podestà veneto di Parenzo Giovanni Soranzo ed il Consiglio tutto,
        come violatori delli privilegi della Chiesa parentina accordati
        dalli antichi Re ed Imperatori.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  410.  1285. 8 Martii, Indict. XIII. Venezia.
        Pace fra Venezia e Trieste ed Aquileja e Gorizia.
        Pactorum Liber IV. Foglio 153.

  411.  1285. Die V exeunte Marcio, Indictione XIII. Aquilejae.
        Patriarca Raimondo d'autorità del Legato pontificio assolve da
        scomunica il Capitolo di Pirano.
        Da autografo dell'Archivio Capitolare di Pirano.

  412.  1285. 11 Maggio, Indizione XIII. Cividale.
        Enrico de Portis fa un legato per l'anima di Ulvino Vescovo di
        Trieste.
        Archivio Capitolare di Cividale.

  413.  1285. 25 Giugno, Indizione XIII. Cividale.
        Rogito e pubblicazione in Parenzo della Bolla contro gli ingiusti
        detentori di beni ecclesiastici dell'anno 1286.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  414.  1285. 14 Luglio, Indizione XIV. Spilimbergo.
        I Procuratori del Capitolo di Trieste notificano a Brisa de Toppo
        la sua elezione a Vescovo di Trieste.
        Archivio diplomatico di Trieste. Comunicazione del Prof. Abb.
        Bianchi di Udine. Copia esistente nella collezione Fabrizio.

  415.  1285. 10 Novembre, Indizione XIII. Pietrapelosa.
        Guizardo di Pietrapelosa a compenso di danni fatti ad alcuni
        luoghi dell'Istria consegna al Patriarca d'Aquileja Raimondo il
        suo Castello del Sale in pegno del pagamento. Ove Guizardo
        mancasse al saldo nel termine del prossimo S. Giorgio, rimanga il
        Castello del Sale alla Chiesa di Aquileja per essere cambiato con
        Grisignana, villa dello stesso Guizardo.
        Da pergamena originale nell'Archivio de' Frari in Venezia.

  416.  1285. 16 Dicembre, Indizione XIV. Parenzo.
        Il Capitolo di Parenzo autorizza il Vescovo Bonifacio di prendere
        a mutuo un importo sino a quindici lire di grossi veneti verso
        ipoteca.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  417.  1286. 22 Gennaro, Indizione XIV. Caorle.
        Compromesso tra Doge di Venezia Jacopo Dandolo e Patriarca di
        Aquileja Raimondo della Torre in arbitri eletti per accomodare le
        differenze fra loro vertenti per la giurisdizione temporale delle
        città di Capodistria, Parenzo, Emonia, Pirano, Rovigno, Umago, e
        dei castelli di S. Lorenzo e di Montona.
        Ex Codice ms. Bernardi Trivisani, registrata dal Verci nella
        Storia della Marca Trevisana.

  418.  1286. 14 Marzo, Indizione XIV. Parenzo.
        Vescovo Bonifacio di Parenzo, radunati i suoi chierici, pubblica
        la Scomunica di Patriarca Raimondo contro li occupatori dei beni
        delle Chiese.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  419.  1286. 15 Marzo, Indizione XIV. Parenzo.
        Ottone figlio di Stefano di Pisino chiede a Vescovo Bonifazio di
        Parenzo, rinnovazione di investitura feudale.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  420.  1287. 18 Agosto, Indizione XV. Monfalcone.
        Patriarca Raimondo invita da Monfalcone il Decano e il Capitolo di
        Cividale a voler spedire fino a Trieste 200 staja di farina pella
        sua gente in Istria che ne abbisogna.
        Archivio domestico de' Conti Portis di Cividale. - Carte Guerra.

  421.  1288. 3 Giugno, Indizione I. Trieste.
        Composizione fra Vescovo Brisa de Toppo di Trieste e Giacobina
        vedova di Andrea Budina per una vigna nella contrada esterna di
        S. Appollinare.
        Dall'originale.

  422.  1288. XV. Kal. Septembris. - Reate.
        Papa Nicolò IV ammonisce i veneziani a restituzione delle città e
        castella che tolsero in Istria ai Patriarchi d'Aquileja, od a
        proporre dinnanzi a lui la lite entro due mesi. Scrive anche in
        proposito all'Arcivescovo di Ragusa.
        P. Agostino Theiner, Vetera Monumenta Slavorum Meridionalium.

  423.  1288. 20 Ottobre, Venezia.
        La Signoria di Venezia esenta dal dazio 200 tavole di rovere
        comperate dal Comune di Ancona per costruir barche onde offendere
        i Triestini corseggianti sull'Adriatico.
        Da Notatorio del Collegio nell'Archivio gen. de' Frari in Venezia.

  424.  1289.
        Vescovo Ulvino de Portis riconosce di avere in feudo dal Patriarca
        di Aquileja, il dominio della città di Trieste.
        Da protocollo originale del nodaro Gubertino da Novate comunicato
        dall'Abbate D. G. Bianchi.

  425.  1289. 25 Marzo.
        Relazione dell'impresa fatta dal Patriarca Raimondo contro
        Trieste.
        Archivio diplomatico di Trieste, comunicata dal Prof. Bianchi di
        Udine.

  426.  1289. 5 Giugno. - Udine.
        Alcuni udinesi stipendiano un cavaliere perchè militi sotto la
        bandiera del Capitano di Udine nell'esercito patriarcale in Istria
        per un mese, e non oltrepassando Monfalcone abbia la metà del
        pattuito stipendio di marche tre.
        Tratto da apografo Fontaniniano ora nella Marciana. Latini XIV, V.
        48, pag. 7.

  427.  1289. 1. Settembre. - Ravenna.
        L'Arcivescovo di Ravenna, ammette l'appellazione in lite
        pronunciata da Nicolò Capitano, Bettolotto, Ugo, Focina, Dainisio
        Consoli di Pola.
        Archivio Ravennate.

  428.  1289. 13 Ottobre. - Venezia.
        Carte diverse ed atti presentati nelle differenze tra Doge
        Giovanni Dandolo di Venezia ed il Patriarca Raimondo, al Vescovo
        di Tripoli Giudice delegato dal Sommo Pontefice Nicolò IV per
        concludere la pace.
        Dal Codice Trevisani, registrata dal Giov. B. Verci nella Storia
        della Marca Trevisana.

  429.  1290. 8 Marzo, Indizione III. Udine.
        Matteo Vescovo di Pola nomina un suo procuratore.
        Atti di Nicolò da Cividale.- Carte Guerra nell'Archivio de Portis.

  430.  1290. 12 Aprile. - Roma.
        Papa Nicolò IV ingiunge al Vescovo di Castello (Venezia) di
        giudicare la questione fra Abbazia della Belinia, ed Ugone di
        Duino, pei beni occupati all'Abbazia di S. Giovanni al Timavo.
        Da copia nella Collezione Pirona di Udine.

  431.  1290. 20 Giugno. - Trieste.
        Cino Diotisalvi da Firenze ha in pegno dal Vescovo Brissa di Toppo
        la muda di Trieste per un debito di 100 lire.
        Ireneo della Croce, MS. dell'Archivio diplomatico di Trieste.

  432.  1290. Idus Augusti. - Urbeveteri.
        Papa Nicolò IV concede facoltà a Vescovo di Pola Giovanni di
        riporre Leone in Abbate di S. Michele di Pola, se lo conosce
        meritevole.
        P. Agostino Theiner. Vetera Monumenta Slavorum Meridionalium.

  433.  1290. 5 Settembre, Indizione III. Trieste.
        Raimondo Patriarca prega e consiglia Marco Ranfo Rettore della
        città di Trieste di far restituire ad alcuni mercatanti di Fano e
        di Perugia le merci tolte loro in mare dal corsale Cocco con barca
        dello stesso Marco Ranfo.
        Notajo Nicolò da Civiale. - Atti presso il sig. Carlo Fabrizi.
        - Copie Mons. Guerra, Archivio Conti Portis di Cividale.

  434.  1291. 4 Kal. Februarii, Indictione IV. Costanza.
        Imperatore Rodolfo ad inchiesta di Vescovo Bonifacio di Parenzo
        conferma a questi un Giudicato di Marchese Bertoldo d'Istria del
        1194.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  435.  1291. 27 Giugno, Indizione IV. Trieste.
        I Giudici di Trieste regolano li conti delle biade avute dal
        Monastero della Beligna, durante l'assedio del Castello di
        Romagna, che i Veneti avevano edificato dinnanzi a Trieste.
        Dagli Atti del Nodaro Zuffredo in copia nella collezione Fabrizi;
        comunicazione dell'Abbate D. Giuseppe Bianchi all'Archivio
        diplomatico di Trieste.

  436.  1291. 11 Nov. Indizione IV. Treviso.
        Pace tra Doge Pietro Gradenigo da una parte, Patriarca Raimondo
        d'Aquileja, Conte Alberto di Gorizia e Città di Trieste
        dall'altra.
        Pactorum Liber IV. Fol. N. 161.

  437.  1292. 2 Gennaro, Indizione V. Trieste.
        Vescovo Brisa de Toppo di Trieste investe Andrea Giroldi del fu
        Andrea, del feudo di Calisedo.
        Copia autenticata dal Nodaro Capuano, nell'Archivio generale
        veneto. Libro Giroldia.

  438.  1292. 20 Gennaro, Indizione V. Aquileja.
        Patriarca Raimondo assolve dalla scomunica, nella quale erano
        incorsi, alcuni Canonici di Capodistria.
        Atti del Notaro Valtero: copie Fabrizi.

  439.  1292. 5 Febraro. - Trieste.
        Lega e Concordio fra Comune di Trieste e Capitolo Cattedrale.
        Ireneo della Croce, MS. dell'Archivio diplomatico di Trieste.

  440.  1292. Die X Febr., Indict. V. Tergeste.
        Le Monache della Cella di Cividale danno in locazione una loro
        terra sita in Trieste nella contrada esterna di S. Pietro.
        Archivio Capitolare.

  441.  1292. 26 Febbraro. - Cividale.
        Gebardo de Vocisperg rinuncia in mano del Patriarca dieci masi
        nella villa di Rakitnig presso Adelsberg, che il Patriarca dà a
        Cancoretto di Adelsberg.
        Atti del Nodaro Nasutti, originale nella Biblioteca Municipale di
        Udine; comunicazione dell'Abbate D. Giuseppe Bianchi all'Archivio
        diplomatico di Trieste.

  442.  1292. 10 Dicembre, Indizione V. Parenzo.
        Doncio di Parenzo chiede a Vescovo Bonifacio investitura di feudo;
        il Vescovo ricusa.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  443.  1293. 12 Aprile, Indizione VI. Parenzo.
        Processo dinnanzi a Delegato Apostolico fra Vescovo Bonifacio di
        Parenzo, ed Abbate Marzuto di S. Pietro in Selve per beni
        dell'Episcopato detenuti da quest'ultimo.
        Copia dell'Archivio Episcopale di Parenzo.

  444.  1293. 9 Maggio, Indizione VI. Parenzo.
        Enrico di Pisino detto Anzio vende suo feudo in Torre nova a Marco
        Bulgaro; il Vescovo di Parenzo lauda ed investe il nuovo vassallo.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  445.  1293. 4 Luglio. - Udine.
        Marco Ranfo e collega, Oratori del Comune, annunciano a Mosca
        della Torre la nomina di lui in Podestà di Trieste e le
        condizioni.
        Originale nella Biblioteca municipale di Udine, comunicato
        dall'Abb. Bianchi all'Archivio diplom. di Trieste.

  446.  1293. 6 Luglio. - Cividale.
        Simone Vescovo di Emona prende a suo servigio per un anno Ermanno
        di Judri collo stipendio di dodici lire di veronesi, e vitto
        franco.
        Dalle Abbreviature di Giovanni da Cividale Notajo.

  447.  1293. 13 Luglio. - Udine.
        Patriarca di Aquileja Raimondo concede alli Procuratori del Comune
        di Muggia di eleggersi Podestà a piacimento. Eleggono Odorlico di
        Strassoldo.
        L'originale è nella Biblioteca Comunale di Udine, comunicazione
        dell'Abbate D. Giuseppe Bianchi all'Archivio diplomatico di
        Trieste.

  448.  1293. 5 Agosto, Indizione VI. Parenzo.
        Podestà Jacopo Quirini di Parenzo pronuncia in lite per la
        proprietà e possesso di Cervera ricusandola al Vescovato.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  449.  1293. 28 Settembre, Indizione VI. Parenzo.
        Vescovo Bonifazio di Parenzo comparisce dinnanzi al Podestà per
        questioni di feudo in Torre.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  450.  1293. 2 Ottobre, Indizione VI. Parenzo.
        Vescovo di Parenzo Bonifacio reclama al Podestà di Parenzo contro
        violento asporto di biade da lui ordinato, che spettavano alli
        Agostiniani di Monza, legatari della Villa di Torrenuova al
        Quieto.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  451.  1294. Parenzo.
        Enumerazione delle persone le quali erano vassalli laici del
        Vescovo e della Chiesa di Parenzo.
        Da stampa di allegazione.

  452.  1294. 11 Gennaro, Indizione VII. Parenzo.
        Vescovo Bonifacio di Parenzo in Curia di Vassalli tenuta in
        Rovigno, pronuncia decaduto Doncio di Parenzo dai feudi parentini
        che aveva.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  453.  1294. Die XIV Januarii, Indictione VII. Tervisii.
        Odorico Signore di Momiano rinnova ad Almerico figlio di Dietmaro
        Ellia l'investitura del feudo di Parezago e Cellola di Pirano.
        Da Autografo dell'Archivio di Pirano.

  454.  1294. 6 Febbraio, Ind. VII. Pirano.
        Il Comune di Pirano manda nuncio a Capodistria per chiedere,
        l'investitura dei feudi che aveva dal Vescovato.
        Archivio municipale di Pirano.

  455.  1294. 4 Maggio, Indizione VII. S. Odorico della Valle o Rizmagne.
        Pronunciamento di provinciali della valle di Moccò che tutto il
        vino incampato nella villa di S. Odorico della Valle, di qualsiasi
        provenienza, è soggetto a decima a profitto dei Domini della
        villa.
        Carte di Casa Bonomo.

  456.  1294. 10 Novembre.
        I Triestini inviano ducento pedoni in ajuto di Giovanni de Zuccula
        nella guerra di questi contro Artuico di Castello.
        Dalla Cronaca di Giuliano; comunicazione dell'Abbate D. Giuseppe
        Bianchi all'Archivio diplomatico di Trieste.

  457.  1294. X Kal. Decembris. - Trieste.
        Filippo Legato pontificio nella provincia d'Istria per mandato di
        Ugone Vescovo di Ostia e di Veletri legato pontificio, aggiudica
        decima ai Canonici di Trieste a motivo di loro povertà.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  458.  1295. 3 Gennaro, Indizione VIII. Udine.
        Patriarca di Aquileja Raimondo scomunica il Vescovo Ulvino di
        Pedena perchè contumace in causa civile mossagli da Leopoldo
        Burgense da Cividale che aveva garantito pel Vescovo, ed asseriva
        avere patito danni per la guarentigia prestata.
        Da Copie antiche.

  459.  1295. 10 Marzo, Indizione VIII. Trieste.
        Vescovo di Trieste Brissa di Toppo coll'assenso di Patriarca
        Raimondo della Torre trasfonde nel Comune il Gastaldionato e le
        regalie su Trieste.
        Da pergamena di Udine, ch'era nell'Archivio dei PP. dell'Oratorio.

  460.  1295. 10 Marzo, Indizione VIII. Trieste.
        Vescovo di Trieste Brisa di Toppo, coll'assenso di Patriarca
        Raimondo della Torre, vende al Comune il Gastaldionato e le
        regalie su Trieste, riservandosi la zecca, la dogana, i feudi e le
        decime.
        Copia antica nell'Archivio diplomatico di Trieste. Bonomo, Monete
        dei Vescovi di Trieste.

  461.  1295. 10 Marzo, Indizione VIII. Trieste.
        Vescovo di Trieste Brisa de Toppo, dà al Comune il suo Castello di
        Montecavo perchè lo custodisca per un decennio.
        Bonomo, Monete dei Vescovi di Trieste, copia antica nell'Archivio
        diplomatico.

  462.  1295. XIII Kl. Aprilis. - Romae.
        Papa Bonifazio VIII commette al Canonico di Treviso Albertino da
        Monselice la decisione ed esecuzione nelle questioni fra Vescovo
        di Trieste Brisa de Topo ed il Monastero di S. Giorgio Maggiore di
        Venezia per l'Ospizio dei SS. Martiri di Trieste.
        Archivio di S. Giorgio di Venezia.

  463.  1296. 16 Febbraro, Indizione IX. Aquileja.
        Vescovo Brisa de Toppo di Trieste dà a Patriarca Raimondo
        d'Aquileja le decime di Muggia, e riceve in cambio le temporalità
        della chiesa di S. Canciano oltre l'Isonzo, e più 1200 lire venete
        di piccoli.
        Copia antica nell'Archivio diplomatico di Trieste. - Bonomo,
        Monete dei Vescovi.

  464.  1296. 22 Giugno, Indizione IX. Udine.
        Patriarca Raimondo dà investitura feudale a Giovanni quondam
        Conone da Momiano.
        Da schede del Notaro Giovanni de Lupico.

  465.  1296. 19 Ottobre. Venezia, Monastero dei Santi Filippo e Giacomo.
        Vescovo Bonifazio scomunica i Parentini ricusanti il pagamento
        delle decime e dei quartesi dei loro terreni.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  466.  1296. Quint'ultimo di Ottobre. - Gemona.
        Guglielmo Capitano di Gemona pattuisce con tre istriani a fine
        conducano uomini di Albona (uomini d'arme).
        Dalle note del Giov. Biachini Notaro di Gemona.

  467.  1297. 20 Aprile, Ind. X. Trieste.
        Rantulfo di Todulfo vende a Minza moglie di Vrizgoi di Bisviza una
        casa in Trieste in contrada di Riborgo.
        Archivio Capitolare.

  468.  1297. 24 Giugno, Indizione X. Parenzo.
        Questioni di giurisdizione laica su Torre al Quieto.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  469.  1297. 26 Ottobre, Indizione X. Udine.
        Patriarca di Aquileja Raimondo assolve da scomunica e perdona a
        Vicardo di Pietrapelosa li danni arrecati nell'ultima guerra tra
        Patriarca e Conte di Gorizia.
        Atti del Notaro Walterio, originale nell'Archivio del demanio in
        Udine; comunicazione dell'Abbate D. Giuseppe Bianchi all'Archivio
        diplomatico di Trieste.

  470.  1298. 12 Febraro, Indict. XI. Trieste.
        Cristina dona una casa alla chiesa plebanale della B. V. del Mare
        in Trieste.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  471.  1298. 7 Luglio, Ind. XI. Trieste.
        Pietro, di professione calzolajo, promette quatro orne annue di
        vino per decima di una casa di ragione del Capitolo.
        Archivio Capitolare di Trieste.

  472.  1299. 7 Gennaro, Indizione XII. Villa di Pisino.
        D. Domenico Preposito di Pisino pubblica per ordine di Vescovo
        Bonifazio di Parenzo, la scomunica contro il Podestà ed il
        Consiglio di Parenzo.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  473.  1299. 10 Febbraio, Indizione XIII. Venezia.
        Doge Pietro Gradenigo col Consiglio dei Quaranta permette a quelli
        di Pola di conservare le mura della città, sino ad ordine del
        Doge.
        Lib. IV Pactorum dell'Archivio Veneto.

  474.  1299. 15 Marzo. - Pola.
        Nicolò Soranzo, Vice-Podestà di Pola, giustifica il ritardo nel
        diroccamento delle mura di Pola.
        Lib. IV Pactorum dell'Archivio Veneto.

  475.  1299. 13 Giugno. - Pola.
        Il Podestà di Pola trasmette al Doge Pietro Gradenigo la
        promissione di diroccare le mura.
        Lib. IV Pactorum dell'Archivio Veneto.

  476.  1299. 25 Luglio, Indizione XII. Orsera.
        Scomunica di Vescovo Bonifazio di Parenzo contro il Podestà e
        Consiglio.
        Archivio domestico dei Marchesi Polesini.

  477.  1299. 28 Settembre, Indizione XII. Capodistria.
        Laudo di Pre Conrado Sacrista di Giustinopoli nelle contese fra
        Vescovo di Trieste Brisa di Topo, e Comune di Umago, pei diritti
        signorili del primo.
        Bonomo, Monete dei Vescovi di Trieste.